Homepage > Novità > Novità del prodotto >

Hai davvero scelto il microfono giusto per il tuo spettacolo?

Hai davvero scelto il microfono giusto per il tuo spettacolo?
Data Emissione:2019-08-23

Perché ci sono così tanti tipi di microfono? Qual è il miglior microfono? Riceviamo spesso queste domande nel messaggio.

Innanzitutto, dobbiamo sapere che non esiste un microfono in grado di funzionare per ogni evento o occasione. Potrebbe essere la migliore risposta alla domanda "perché ci sono così tanti tipi di microfono sul mercato?"


Le nostre orecchie sono un sensore molto sofisticato e molto complesso che converte i segnali sonori in impulsi elettrici che vengono trasmessi al cervello e il nostro cervello può risolverli in "suoni". Le nostre orecchie sono in grado di convertire segnali sonori da 20Hz a 20kHz.
A differenza delle nostre orecchie, il microfono può convertire (e riprodurre) accuratamente i segnali audio in un intervallo specifico, di solito questo intervallo è inferiore a 20-20kHz.

Se il microfono può trovarsi in un determinato intervallo, senza aumentare o diminuire il volume della frequenza riprodotta, chiamiamo questo intervallo di frequenza variabile "piatto". Quando si misura un microfono, questo elemento viene chiamato "risposta in frequenza". Per un ingegnere, questa è una funzione che deve essere conosciuta quando si seleziona un microfono per un particolare scenario di utilizzo.

Un'altra caratteristica da tenere presente quando si seleziona un microfono è il rapporto segnale-rumore (S / N), che rappresenta il rapporto tra il volume audio utile (S) dallo strumento e il cantante e il rumore (N) del microfono si.

Tuttavia, quando si sceglie un microfono, la considerazione più importante è il tipo di design. Esistono attualmente due tipi di microfono di base: microfono dinamico e microfono a condensatore .

Sebbene i microfoni dinamici siano sempre stati la prima scelta per gli ingegneri del suono dal vivo, i microfoni a condensatore stanno gradualmente comparendo sul palco del suono dal vivo. Per questo motivo, spiegheremo più avanti.

Apriamo prima la shell e guardiamo dentro.


Meccanica magnetica dinamica

I microfoni dinamici possono essere suddivisi in due tipi: microfono e nastro dinamici tipici
microfono.

Il principio di funzionamento di tutti i microfoni dinamici è l'induzione elettromagnetica: quando due magneti di poli diversi vengono mantenuti a una distanza attraente ma inaccessibile, si genera un campo magnetico tra i due. In questo campo magnetico, ci sono innumerevoli "linee magnetiche" invisibili.
In un tipico microfono dinamico, un diaframma è attaccato alla bobina. La vibrazione del suono fa muovere il diaframma / bobina e tagliare le linee magnetiche nel campo magnetico. E quindi la tensione indotta viene generata nella bobina. La frequenza di vibrazione è uguale alla frequenza del suono.

Nel microfono a nastro, una sottile striscia di metallo è sospesa nel mezzo del magnete. Quando la striscia vibra di onde sonore, le linee magnetiche vengono tagliate per generare una tensione di induzione elettromagnetica. La tensione viene condotta attraverso la striscia di alluminio ed è direttamente influenzata dalla frequenza di vibrazione dell'onda acustica.
Microfono dinamico per un facile spostamento

Al contrario, il tipico microfono dinamico è estremamente robusto. Questa funzione è un vantaggio travolgente per la band o il rafforzamento del suono dal vivo. Per non parlare del prezzo più economico.

La maggior parte dei microfoni dinamici sono unidirezionali: raccolgono solo il suono davanti. Questo è un vantaggio per evitare l '"ululato" che produce quando il suono dall'altoparlante del monitor entra di nuovo nel microfono.

La forza gravitazionale del magnete, il numero di spire gira e la dimensione del diaframma è altrettanto importante. I microfoni dinamici a diaframma largo sono generalmente più sensibili dei microfoni dinamici a diaframma piccolo.

I diaframmi larghi vengono spesso utilizzati durante la registrazione di tamburi, ad eccezione dei rullanti. poiché il rullante produrrà un livello di pressione sonora più elevato ed emetterà un suono extra nella banda ad alta frequenza, causerà anche alcuni danni al microfono a diaframma largo e causerà distorsione, nel qual caso sarebbe meglio usare un piccolo microfono a diaframma come SM57.
Alcuni microfoni a diaframma largo, come il Beta 52, sono ideali per l'uso sul kick drum. Inoltre è inclusa una staffa che regge il bordo, eliminando la necessità di un supporto per microfono ingombrante che renderà il palcoscenico più semplice e pulito.
Se sei abituato a utilizzare gli altoparlanti a cuneo front-end come palcoscenico da ascoltare, i microfoni dinamici sono una buona scelta, possono aumentare il guadagno sufficiente ed evitare efficacemente il verificarsi di feedback acustico. E se stai utilizzando un sistema di ascolto in-ear, prova a utilizzare un microfono a condensatore per captare la voce o gli strumenti. Sebbene possa aumentare alcuni budget, otterrà una qualità del suono corrispondente e migliore.
Usa un microfono a condensatore sul palco

I microfoni a condensatore sono ora anche più ampiamente utilizzati sul palco del rafforzamento del suono dal vivo. La sensibilità del microfono a condensatore è molto alta, con una risposta in frequenza molto piatta nell'intervallo 20Hz-20kHz.
Il microfono a condensatore utilizza il principio di carica e scarica del condensatore. La vibrazione del suono guida la piastra mobile del condensatore (film metallico ultrasottile). La vibrazione di questa piastra cambia la distanza tra le due piastre (l'altra è la piastra fissa). il cambiamento nella distanza tra le piastre comporterà un cambiamento nella capacità, e quindi la corrente del segnale sonoro analogico viene generata da un piccolo circuito elettronico nel microfono.

A differenza dei microfoni dinamici, i microfoni a condensatore non vengono magnetizzati permanentemente durante la produzione. Pertanto, l'alimentazione phantom deve essere utilizzata per alimentare i loro diaframmi ogni volta che vengono utilizzati. Questo tipo di alimentazione viene generalmente trasmesso tramite un cavo per microfono. L'alimentazione phantom è in genere un alimentatore a 48 V CC che soddisfa le esigenze dei microfoni a condensatore a diaframma largo.

La classificazione di perfezionamento nei microfoni a condensatore è chiamata microfono a condensatore a elettrete. Questo design può utilizzare una batteria DC più piccola o alimentazione phantom, la tensione è molto inferiore ai 48V richiesti per un tipico microfono a condensatore.
Informazioni sul potere fantasma

Gli alimentatori phantom non solo forniscono la tensione necessaria alla scheda, ma alimentano anche il trasformatore di impedenza a bordo. Senza un alimentatore phantom, il microfono a condensatore semplicemente non funziona. Quindi da dove viene questo potere fantasma? In generale, il mixer verrà fornito con alimentazione phantom.
Tuttavia, per risparmiare sui costi, alcune console non forniscono alimentazione phantom. In questo caso, il microfono a condensatore a elettrete è la scelta migliore. Sia PG-81 che HC-01 sono microfoni a condensatore a elettrete. Il PG-81 è dotato di un vano batteria incorporato. L'HC-01 deve collegare il vano batteria esterno.
Poiché il suono del microfono a condensatore è nitido e pulito, a molte persone piace usare un microfono a condensatore quando si registra la voce. Ci sono anche molti modelli progettati per la registrazione di voci. Ma una cosa da notare è che i microfoni a condensatore sono più fragili dei normali microfoni dinamici, quindi è meglio dare loro una solida scatola a prova di shock quando vengono utilizzati in un tour.

È anche importante notare che è più probabile che si verifichi un feedback acustico a causa dei condensatori molto sensibili. Quando si utilizza un microfono a condensatore per il rinforzo del suono, è necessario prestare particolare attenzione al volume della fase di gestione. In questo caso, è molto necessario utilizzare il monitoraggio in-ear. Inoltre, devi dire al cantante di aiutarlo a prendere le contromisure appropriate.

Riferimenti:
Parole Chiave